Say Goodbye

Una settimana fa Nero, un bel micione di anni tredici (pari a una settantina dei nostri) ha perso Ginger, sorella di cucciolata e compagna di una vita. Se n’é andata rapida, senza dar segni di malattia, in punta di zampe. Solo ha lasciato un vuoto grande, non facile da riconciliare né per chi si occupava di lei né per questo gattone, casalingo, di indole paurosa e avversa anche ai cambiamenti più banali.

I gatti sono animali speciali. Provate a immaginare di avere sensi amplificati ben al di là della più vivace umana fantasia, di poter contare su una istintualità profondamente affinata che permette di sopravvivere all’aria aperta nelle condizioni più estreme, e per di più avendo in dotazione una spiccata capacità telepatica. Immaginate ora di essere in grado di sentire, fuor di dubbio, che l’unica creatura con la quale condividete profondamente la vostra speciale natura non tornerà.

Le tipicità feline che ho riassunto poc’anzi sono il motivo per cui un approccio energetico per un gatto può costituire un grande aiuto in caso di malessere, che esso sia manifesto o che sia ipotizzabile come conseguenza di un particolare evento, come in questo caso.

Talvolta sottovalutiamo quanto gli animali possano patire la perdita dei loro compagni. Si addolorano nella loro priopria maniera, differente dalla nostra, ma meritevole di attenzione, comprensione e rispetto. Anche se un gatto ai nostri occhi sembrava non troppo legato al compagno che non c’è più, la sua assenza costituisce comunque per lui un grande cambiamento.

Nonostante la loro indole solitaria, i gatti amano la socialità (alle loro condizioni, certo) e possono risentire di una casa un po’ più vuota. Consideriamo anche che qualsiasi variazione nell’ambiente circostante viene identificato da un gatto come una minaccia alla propria sicurezza. Inoltre gli altri componenti (umani) della famiglia sono in una condizione di dolore e dispiacere: il micione questo lo percepisce, e potrebbe esserne ulteriormente destabilizzato.

Cosa possiamo fare per Nero?

Innanzitutto osservarne con estrema (ma noncurante) attenzione i comportamenti, per capire se ci sono variazioni in conseguenza all’evento traumatico. Poi cercheremo di aiutarlo a reindirizzare la sua energia.

In casa si sta cercando di non modificare le routine alle quali Nero é abituato, gli si sta dedicando più tempo, coccole e attenzioni (su sua richiesta, senza esagerare), si assecondano più del solito le sue esigenze riguardo al cibo, si inventano giochi utili a farlo muovere e a distrarlo. Il veterinario ha consigliato Fiori di Bach per supportarlo nell’adattamento (Walnut) e per la paura della solitudine (Mimulus), e qualche goccia di essenza d’arancio nell’infusore per ambienti, che aiuta a ritrovare vitalità e buon umore.

Dal punto di vista della MTC, alcune considerazioni di base ci saranno utili per individuare i meridiani energetici e i punti specifici per strutturare il trattamento TuiNa, che dovrà anche tener conto delle osservazioni sul comportamento del micio. Vediamo come.

Canale di Rene: 

al Rene appartiene l’energia conservativa per eccellenza, quella della sopravvivenza, così come l’età della vecchiaia e la fine di un ciclo. L’emozione associata al Rene é la paura. Nero é un gatto non più giovane che vede stravolto il suo equilibrio quotidiano, e da sempre ha paura della sua ombra. Certamente il trattamento dovrà indirizzarsi innanzitutto a sostenere il Rene e il suo sistema accoppiato, Vescica, considerando anche che é leggermente aumentata la frequenza della minzione (la loggia Rene/Vescica controlla gli orifizi).

Canale di Polmone:

nella Teoria dei Cinque Elementi (o delle Cinque Fasi) se un elemento é in deficit lo si può sostenere tonificando l’elemento ‘madre’. Il Rene appartiene all’elemento Acqua: l’elemento madre dell’Acqua é il Metallo, al quale corrisponde la loggia energetica del Polmone (la cui emozione associata é la tristezza). Sceglieremo punti di tonificazione di questo meridiano per supportare ulteriormente il Rene. Saranno utili anche per sostenere il sistema immunitario, che può essere indebolito dallo stress.

Canale di Milza: 

la reazione più immediata di Nero alle nuove circostanze é stata l’imitazione e la ripetività di gesti che erano propri di Ginger. Inoltre durante la notte cerca rassicurazione e fa molte fusa consolatorie, di giorno é un po’ più letargico del solito e ha mostrato qualche problema a livello digestivo. Tutti questi ‘indizi’ fanno pensare al canale di Milza: includeremo quindi qualche punto ad hoc nel nostro trattamento.

Nota importantequando si parla di Rene, Polmone, Milza, etc. in termini di MTC non ci si riferisce all’organo fisiologico, bensì a un sistema complesso che include il canale (o meridiano) e le sue attività funzionali in relazione all’equilibrio energetico dell’intero organismo. Ecco perché vengono indicati con l’iniziale maiuscola.

Il trattamento verrà effettuato un paio di volte a settimana finché la situazione sarà normalizzata, tenendo d’occhio eventuali cambiamenti e ‘aggiustando il tiro’ se necessario. Con un po’ di aiuto e tanto affetto presto Nero tornerà ad essere il micione di sempre.

Ginger (la Tata) ci manca moltissimo. Condividere i suoi tredici anni di amore e dolcezza é stato un dono immenso per il quale sarò per sempre grata alla vita.